Storia della birra

Dove e quando è nata?

Le informazioni non sono precise ma ritroviamo testimonianze attendibili in Mesopotamia, Egitto, Isole Orcadi, Malta.
Egizi e Babilonesi la usavano per scopi propiziatori.
Etruschi, Romani e Greci la importavano dai Fenici.
Tra i popoli nordici i Germani e i Celti furono tra i piu accaniti bevitori di birra.

Nel medioevo venne aggiunto alla produzione della birra il luppolo che sostitui altre sostanze usate per l’aromatizzazione della bevanda come erbe e spezie.

Fino alla meta del secolo scorso, per la produzione, veniva usato solo il sistema di alta fermentazione (temperatura di 12-16°).

In seguito venne adottata anche la produzione con sistema a bassa fermentazione (temperatura 6-8°) a tutt’oggi la più usata.

 

Le materie prime:

  • Malto d’orzo o di frumento.
  • Acqua.
  • Lievito.
  • Luppolo.

La produzione della birra

Il luppolo viene macinato e versato nella caldaia e miscelato con acqua. La miscela ottenuta viene riscaldata progressivamente fino alla temperatura di 77°.
Durante questo procedimento si verifica la trasformazione dell’amido del malto in zuccheri. In seguito l’aggiunta di lievito li trasformera in alcool e anidride carbonica.

Alla fine di questo processo la miscela viene travasata in un altro contenitore per la filtrazione (se voluta) dove si separa il mosto.

Il liquido filtrato e limpido viene trasferito poi nella caldaia dove viene portato ad ebollizione per 90 minuti.
In questa fase viene aggiunto il luppolo.

Al termine della cottura il mosto viene raffreddato e trasferito nei contenitori di fermentazione dove viene aggiunto lievito.
A questo punto inizia la fase di fermentazione con gli zuccheri che si trasformano in alcool.

Dopo circa una settimana la birra viene trasferita nei tini, dove raggiunge la completa maturazione per poi venire infustata ed imbottigliata.

 

Condividi questa pagina

Condividi questa pagina su
Facebook